Smart Specialization Strategy della Regione Autonoma della Sardegna (S3), introducano innovazioni di prodotto e di processo e contribuiscano al rafforzamento competitivo, alla crescita e occupazione. La dotazione complessiva del bando è stata aumentata a 25.000.000 euro. I soggetti beneficiari sono micro piccole e medie imprese (MPMI), così come definite dall'Allegato I del Regolamento dell'Unione europea numero 651/2014, la cui attività rientra nella classificazione delle attività economiche ISTAT ATECO 2007 elencate nell'allegato D del Bando. Le imprese possono presentare domanda singolarmente o in forma congiunta con un organismo di ricerca. Il valore del progetto presentato deve essere compreso tra 100.000 e 600.000 euro. Il bando prevede una procedura di tipo valutativo a sportello. In coerenza con l'accresciuta dotazione finanziaria, che diventa decisiva ai fini del conseguimento degli obiettivi identificati per l'Azione 1.1.3 dell'Asse I del POR FESR Sardegna, saranno privilegiati i progetti che prevederanno attività di sviluppo sperimentale finalizzate all'innovazione di prodotto e processo in grado di impattare rapidamente nei rispettivi mercati di riferimento.

Le imprese sarde potranno richiedere da 100.000 a 800.000 euro. L'intensità dell'aiuto varierà tra il 35 e il 65 per cento del piano di spesa sottoposto all'attenzione dell'amministrazione. Saranno premiate le domande spedire da piccole imprese e destinate alla ricerca. Potranno concorrere alla ripartizione anche le imprese attive in edilizia e quelle aventi come oggetto la fornitura di consulenze professionali in materie scientifiche. Il via alle domande è fissato per la prima decade di maggio. Occorre quindi procedere alla redazione dei documenti richiesti per evitare di arrivare fuori tempo massimo.

Volete aumentare le vostre probabilità di risultare assegnatari? Rivolgetevi al nostro team di specialisti. La partecipazione a bandi ad evidenza pubblica è uno dei nostri punti di forza. Negli anni abbiamo garantito ai nostri clienti milioni e milioni di euro in finanziamenti o garanzie. Volete capire se la vostra azienda ha le carte in regola per presentare la domanda? Chiedeteci subito una consulenza puntuale e precisa. Vi aspettiamo nei nostri uffici di Quartu Sant'Elena.

" />
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Sardegna, 25 milioni di aiuti destinati alle piccole e medie imprese

Sardegna, 25 milioni di aiuti destinati alle piccole e medie imprese

Sardegna, 25 milioni di aiuti destinati alle piccole e medie imprese

È stato pubblicato il nuovo avviso per il bando "Aiuti per progetti di ricerca e sviluppo". Il bando mira a favorire l'innovazione delle imprese regionali attraverso il sostegno di progetti di ricerca e sviluppo che, nelle aree di specializzazione identificate dalla Smart Specialization Strategy della Regione Autonoma della Sardegna (S3), introducano innovazioni di prodotto e di processo e contribuiscano al rafforzamento competitivo, alla crescita e occupazione. La dotazione complessiva del bando è stata aumentata a 25.000.000 euro. I soggetti beneficiari sono micro piccole e medie imprese (MPMI), così come definite dall'Allegato I del Regolamento dell'Unione europea numero 651/2014, la cui attività rientra nella classificazione delle attività economiche ISTAT ATECO 2007 elencate nell'allegato D del Bando. Le imprese possono presentare domanda singolarmente o in forma congiunta con un organismo di ricerca. Il valore del progetto presentato deve essere compreso tra 100.000 e 600.000 euro. Il bando prevede una procedura di tipo valutativo a sportello. In coerenza con l'accresciuta dotazione finanziaria, che diventa decisiva ai fini del conseguimento degli obiettivi identificati per l'Azione 1.1.3 dell'Asse I del POR FESR Sardegna, saranno privilegiati i progetti che prevederanno attività di sviluppo sperimentale finalizzate all'innovazione di prodotto e processo in grado di impattare rapidamente nei rispettivi mercati di riferimento.

Le imprese sarde potranno richiedere da 100.000 a 800.000 euro. L'intensità dell'aiuto varierà tra il 35 e il 65 per cento del piano di spesa sottoposto all'attenzione dell'amministrazione. Saranno premiate le domande spedire da piccole imprese e destinate alla ricerca. Potranno concorrere alla ripartizione anche le imprese attive in edilizia e quelle aventi come oggetto la fornitura di consulenze professionali in materie scientifiche. Il via alle domande è fissato per la prima decade di maggio. Occorre quindi procedere alla redazione dei documenti richiesti per evitare di arrivare fuori tempo massimo.

Volete aumentare le vostre probabilità di risultare assegnatari? Rivolgetevi al nostro team di specialisti. La partecipazione a bandi ad evidenza pubblica è uno dei nostri punti di forza. Negli anni abbiamo garantito ai nostri clienti milioni e milioni di euro in finanziamenti o garanzie. Volete capire se la vostra azienda ha le carte in regola per presentare la domanda? Chiedeteci subito una consulenza puntuale e precisa. Vi aspettiamo nei nostri uffici di Quartu Sant'Elena.

18 aprile 2017