è il nuovo contratto semplificato per la retribuzione del lavoro occasionale, introdotto dal governo con un emendamento alla manovra di bilancio 2017. PrestO, acronimo di prestazione occasionale, è il “buono lavoro” dell’Inps che sostituisce i vecchi voucher e potrà essere usato anche in agricoltura e nelle aziende fino a cinque dipendenti a tempo indeterminato, escluse quelle edili, di escavazione, del lapideo, nonché miniere, cave e torbiere e chi esegue appalti di opere o servizi. Per i privati ci sarà il “libretto di famiglia” per pagare i piccoli lavori domestici compresi giardinaggio, manutenzione e pulizia, assistenza domiciliare a persone con disabilità, anziani, bambini e malati, insegnamento privato e babysitter. Ogni voucher vale 12 euro lordi, pari a 9/10 euro netti all’ora. La retribuzione annua massima consentita con PrestO è di 5mila euro per il datore di lavoro e di 2mila e 500 euro per il lavoratore per singolo committente. Sono consentite al massimo 280 ore all’anno. Tutti gli adempimenti connessi al nuovo contratto, dall’acquisto del libretto di famiglia al contratto PrestO fino al pagamento dei compensi, dal 10 luglio passeranno attraverso una piattaforma online gestita dall’Inps, alla quale si potrà accedere dopo essersi registrati. La retribuzione è corrisposta per via telematica tramite bonifico bancario o postale, entro il 15 del mese successivo alla prestazione lavorativa.

Volete mettervi in regola con l'assunzione di collaboratori stagionali? Chiedeteci subito una consulenza. Nel giro di pochissimo tempo potrete operare nel pieno rispetto delle norme.

" />
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

Lavoro occasionale, arriva il voucher 2.0

Lavoro occasionale, arriva il voucher 2.0

"PrestO voucher – Inps” è il nuovo contratto semplificato per la retribuzione del lavoro occasionale, introdotto dal governo con un emendamento alla manovra di bilancio 2017. PrestO, acronimo di prestazione occasionale, è il “buono lavoro” dell’Inps che sostituisce i vecchi voucher e potrà essere usato anche in agricoltura e nelle aziende fino a cinque dipendenti a tempo indeterminato, escluse quelle edili, di escavazione, del lapideo, nonché miniere, cave e torbiere e chi esegue appalti di opere o servizi. Per i privati ci sarà il “libretto di famiglia” per pagare i piccoli lavori domestici compresi giardinaggio, manutenzione e pulizia, assistenza domiciliare a persone con disabilità, anziani, bambini e malati, insegnamento privato e babysitter. Ogni voucher vale 12 euro lordi, pari a 9/10 euro netti all’ora. La retribuzione annua massima consentita con PrestO è di 5mila euro per il datore di lavoro e di 2mila e 500 euro per il lavoratore per singolo committente. Sono consentite al massimo 280 ore all’anno. Tutti gli adempimenti connessi al nuovo contratto, dall’acquisto del libretto di famiglia al contratto PrestO fino al pagamento dei compensi, dal 10 luglio passeranno attraverso una piattaforma online gestita dall’Inps, alla quale si potrà accedere dopo essersi registrati. La retribuzione è corrisposta per via telematica tramite bonifico bancario o postale, entro il 15 del mese successivo alla prestazione lavorativa.

Volete mettervi in regola con l'assunzione di collaboratori stagionali? Chiedeteci subito una consulenza. Nel giro di pochissimo tempo potrete operare nel pieno rispetto delle norme.

27 giugno 2017