I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Aumenta la deducibilità del buono pasto. Vantaggi per aziende e lavoratori

Aumenta la deducibilità del buono pasto. Vantaggi per aziende e lavoratori

Aumenta la deducibilità del buono pasto. Vantaggi per aziende e lavoratori

Dal primo luglio è entrato in vigore un emendamento alla Legge di Stabilità che si propone di rilanciare consumi e welfare aziendale in Italia. L'emendamento stabilisce l'aumento del valore esentasse del buono pasto elettronico di 1,71 euro, passando dunque da 5,29 a 7 euro. L'aumento della deducibilità ha un duplice scopo: elevare il valore medio nazionale del buono equiparandolo alla media europea, che da tempo si aggira attorno ai 7 euro, e rendere il mercato sempre più digitale. “Questo aiuterà prima di tutto a incrementare i consumi. Le stime prevedono infatti che le aziende arriveranno a investire 500 milioni di euro per la pausa pranzo dei dipendenti, e questo si tradurrà in un'integrazione di reddito di 400 euro annui per la spesa alimentare del singolo lavoratore - commenta in una nota Gregorio Fogliani, presidente di QUI! Group, prima azienda a capitale italiano nel mercato dei buoni pasto – È evidente che, con un nuovo sistema di defiscalizzazione, le aziende saranno più portate ad investire in politiche di welfare per i propri dipendenti. Allo stesso tempo, la nuova normativa sul buono pasto elettronico aiuterà a diffondere la cultura dei servizi digitali in Italia”.

Vuoi diminuire il carico fiscale sulla tua azienda? Rivolgiti a Consulimpresa per una consulenza in materia tributaria. Da anni siamo al fianco di Pmi e artigiani. Contattaci per fissare un appuntamento nei nostri uffici di Quartu Sant'Elena.

13 luglio 2015