I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Certificazione Unica 2015, una semplificazione che complica

Certificazione Unica 2015, una semplificazione che complica

Certificazione Unica 2015, una semplificazione che complica

La semplificazione fiscale imposta dal governo rischia di complicare l'esistenza di aziende e professionisti. Commercialisti e consulenti del lavoro hanno già lanciato l'allarme: il nuovo 730 semplificato prevedere in realtà una complicata serie di adempimenti. Atti e documenti che dovranno essere presentati rispettando delle scadenze diffuse solo poco tempo fa dall'autorità tributaria. L'Associazione nazionale dei commercialisti sottolinea che l'audizione dello scorso 14 gennaio del direttore dell'Agenzia delle entrate, Rossella Orlandi, presso la Commissione parlamentare sull'Anagrafe Tributaria, “ha confermato purtroppo i nostri timori che non abbiamo mancato di rappresentare, e vanificato, per il momento, gli auspici nei confronti della realizzazione di misure che possano realmente contribuire, in questa difficile situazione in cui si trova il Paese, all'atteso processo verso la semplificazione fiscale”. Secondo il sindacato dei professionisti, infatti, “si introducono adempimenti nuovi, le cui scadenze sono spesso inopportunamente troppo ravvicinate, con un'estrema disinvoltura, probabilmente con l'idea che tutto ciò non abbia alcuna conseguenza sul lavoro dei professionisti e sui contribuenti. Pensiamo alla certificazione unica, ma anche alla dichiarazione annuale Iva a partire dal 28 febbraio del prossimo anno. Eppure - va avanti la nota - quando si tratta di eliminare degli adempimenti, così come previsto espressamente nella legge delega per la riforma fiscale, pur se palesemente inutili e superflui, si incontrano difficoltà e resistenze, nella maggior parte dei casi ingiustificate”.

Sulla stessa lunghezza d'onda l'ordine professionale dei consulenti del lavoro. “Una semplificazione che complica: senza dubbio è questo - sostiene il presidente della Fondazione Studi, Rosario De Luca- l'emblematico effetto del modello di Certificazione unica 2015 pubblicato dall'Agenzia delle Entrate il 15 gennaio scorso”. “Una complicazione giustificata secondo le fonti ufficiali – avverte - dalla semplificazione che dovrebbe derivare dal 730 precompilato, ma che invece assume connotati assolutamente contraddittori. Addirittura un ossimoro, se si pensa alle 115 pagine di istruzioni e ai 297 campi da compilare. Con l'aggravante che viene introdotto un pesante regime sanzionatorio mentre tutto sembra ancora in divenire e non certo per responsabilità dei contribuenti e, men che meno, dei professionisti”.

Non farti cogliere impreparato dalle nuove incombenze. Per avere un quadro chiaro della situazione vienici a trovare.

19 gennaio 2015