I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Certificazione Unica (Cu) e nuovi profili penali. Sostituti d'imposta sotto controllo

Certificazione Unica (Cu) e nuovi profili penali. Sostituti d'imposta sotto controllo

Certificazione Unica (Cu) e nuovi profili penali. Sostituti d'imposta sotto controllo

L'avvento della nuova Certificazione unica può avere impattare sul reato di omesso versamento di ritenute certificate. Le novità introdotte in materia di certificazione delle ritenute d'acconto dal decreto sulle semplificazioni fiscali (dlgs n. 175 del 21/11/2014) hanno, infatti, modificato modalità e termini dell'adempimento annuale gravante sui sostituti d'imposta. Le novità più significative riguardano l'obbligo di trasmissione telematica delle certificazioni all'Agenzia delle Entrate e l'introduzione di una sanzione amministrativa pari a 100 euro per ogni certificazione omessa, inviata tardivamente, errata e/o incompleta. Queste novità potrebbero cambiare, anche di molto, i connotati del reato di omesso versamento di ritenute certificate di cui all'art. 10-bis del dlgs 74/2000 sia per quanto riguarda la prova dell'avvenuta certificazione da parte della pubblica accusa sia per quanto attiene alle strategie difensive dei sostituti. Sostituti che peraltro dovranno porsi anche il problema di come affrontare e gestire la nuova sanzione amministrativa ora espressamente prevista nel caso in cui le certificazioni non vengano regolarmente inviate entro i nuovi termini fissati dalla legge. È molto probabile che si opti per la trasmissione telematica delle certificazioni alle Entrate senza aver precedentemente consegnato le CU ai sostituiti. Per come è strutturato il nuovo obbligo di trasmissione telematica delle certificazioni bisogna però precisare che l'invio delle stesse al fisco «presuppone» in una qualche misura la consegna materiale delle stesse ai percipienti. Ed è proprio in tale piega normativa che i pubblici ministeri potrebbero trovare nuova linfa per dimostrare, anche attraverso presunzioni, l'altro elemento materiale del reato che si aggiunge all'omesso versamento delle ritenute ossia l'avvenuta certificazione delle stesse.

Consulimpresa offre assistenza tributaria a 360 gradi. Abbiamo prezzi pienamente competitivi. Contattaci per evitare di incappare in brutte sorprese.

05 giugno 2015