I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Partita IVA? Da giugno stop alle compensazioni con home banking

Partita IVA? Da giugno stop alle compensazioni con home banking

Partita IVA? Da giugno stop alle compensazioni con home banking

L'entrata in vigore del decreto-legge 50/2017 ha introdotto nuove disposizioni sulla compensazione dei crediti tributari in F24 e sull’apposizione del visto di conformità per crediti scaturiti da dichiarativi fiscali. Le nuove disposizioni decorrono dal 24 aprile, ma dopo i chiarimenti forniti dall’Agenzia delle entrate tramite la Risoluzione 57/Eil controllo sull’utilizzo obbligatorio dei servizi telematici per le nuove modalità di compensazione in F24 inizierà solo dal 1° giugno. Quanto alle compensazioni dei crediti tributari, dal mese prossimo i titolari di partiva iva dovranno utilizzare esclusivamente e obbligatoriamente i canali telematici Entratel o Fisconline per il pagamento di modelli F24 contenenti compensazioni di qualsiasi tipologia di credito imposta. Non sarà più possibile effettuare pagamenti con compensazioni di imposte tramite home banking. L’obbligo scatta a prescindere dal saldo finale della delega F24, che può avere anche un saldo positivo. L’altra importante novità riguarda la riduzione del limite della compensazione dei crediti Iva senza visto di conformità, che passa da 15mila a 5mila euro.

Volete evitare sanzioni ed inutili aggravi di spesa? Sceglieteci subito per la consulenza tributaria. Siamo specializzati nell'assistenza per PMI, artigiani e liberi professionisti. Vantiamo una vasta gamma di servizi anche per lavoratori dipendenti e pensionati. Scriveteci subito per trovare competenza e professionalità!

22 maggio 2017