I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Cassazione, contraddittorio imprescindibile nell'accertamento tributario

Cassazione, contraddittorio imprescindibile nell'accertamento tributario

Cassazione, contraddittorio imprescindibile nell'accertamento tributario

Una recente decisione della sezione tributaria della Cassazione conferma l'importanza del contraddittorio in tutte le fasi dell'accertamento. Il giudice di ultima istanza ha dato ragione a un architetto che aveva inviato delle formali comunicazioni all'Agenzia delle entrate: scritti in cui spiegava di non poter rispettare lo studio di settore a causa della presenza di alcuni problemi familiari. Vicende che avevano portato a una brusca diminuzione del suo fatturato. La Cassazione ha precisato che l'accertamento dell'autorità tributaria che non prenda in considerazione gli elementi manifestati dal contribuente sia da considerare nullo. Il principio affermato risponde a quello generale per cui in sede di contraddittorio preventivo il contribuente ha l’onere di provare, senza limitazione alcuna di mezzi e di contenuto, la sussistenza di condizioni che giustificano l’esclusione dell’impresa dall’area dei soggetti cui possono essere applicati gli “standards” o la specifica realtà dell’attività economica nel periodo di tempo in esame, per altro verso, che la motivazione dell’atto di accertamento non può esaurirsi nel rilievo dello scostamento dai parametri, altrimenti vanificandosi del tutto le finalità del contraddittorio, ma deve essere integrata con la dimostrazione dell’applicabilità in concreto dello “standard” prescelto.

Consulimpresa è attiva anche nella consulenza tributaria. Contattaci per un preventivo o per maggiori informazioni.

09 aprile 2015