I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Gli accertamenti fiscali non possono basarsi su spese presunte

Gli accertamenti fiscali non possono basarsi su spese presunte

Gli accertamenti fiscali non possono basarsi su spese presunte

Il Garante per la tutela dei dati personali ha espresso numerose riserve su alcune normative in materia di contrasto dell'evasione fiscale. “L'Autorità ha più volte evidenziato che l'esigenza di disporre di informazioni considerate utili per realizzare un interesse costituzionalmente protetto - affinché tutti contribuiscano alle spese pubbliche in ragione della propria capacità contributiva - non può essere messa in discussione. Si è tuttavia ribadito che le informazioni raccolte nella Anagrafe dei conti potranno essere trattate esclusivamente per permettere la realizzazione - sulla base di specifici criteri - di analisi del rischio di evasione”. Ha spiegato, durante un'audizione di fronte alla commissione Anagrafe tributaria della Camera, il presidente dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali, Antonello Soro. “Nel rispetto di questa finalità, che impedisce di fatto un controllo generalizzato e diffuso di tutti i contribuenti, lo sforzo principale - ha spiegato - è stato quello di definire stringenti misure di sicurezza di natura tecnica e organizzativa, a garanzia della trasmissione dei dati, degli accessi agli stessi e della loro conservazione”. Il garante della privacy ha ritenuto che” il decreto ministeriale istitutivo dello spesometro, nella parte in cui prevede la profilazione del contribuente attraverso l'imputazione presuntiva di elementi di capacità contributiva relativi ad ogni singolo aspetto della vita quotidiana, costituiva un'ingerenza ingiustificata nella vita privata degli interessati”. Alla luce di queste considerazioni, “ha prescritto all'Agenzia delle entrate di ricostruire il reddito del contribuente utilizzando unicamente spese certe e non i dati delle spese medie Istat”. Argomentazioni che potranno essere ora essere utilizzate di fronte alle Commissioni tributarie e nei procedimenti incardinati in Cassazione.

Ti è stato notificato un accertamento fiscale? Possiamo aiutarti a far fronte alle richieste dell'Autorità tributaria. Esistono programmi per la rateizzazione del debito nei confronti del Fisco. Contattaci per avere un'idea.

26 marzo 2015