I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Al via le detrazioni per chi investe sulle start up. Contattaci per una consulenza

Al via le detrazioni per chi investe sulle start up. Contattaci per una consulenza

Al via le detrazioni per chi investe sulle start up. Contattaci per una consulenza

Finanziare una start up innovativa conviene. Investire su una nuova azienda permetterà infatti di maturare importanti vantaggi fiscali. Gli incentivi saranno riconosciuti per gli investimenti in imprese che operano sul mercato da meno di sette anni dalla loro prima vendita commerciale, provenienti da persone fisiche (detrazione Irpef del 19% dell’investimento, fino a un massimo investito pari a 500 mila euro) e da persone giuridiche (deduzione dall’imponibile Ires del 20% dell’investimento, fino a un massimo investito pari a 1,8 milioni di euro). Alle pmi innovative che operano sul mercato da più di sette anni dalla loro prima vendita commerciale, tali incentivi si applicano qualora siano in grado di presentare un piano di sviluppo di prodotti, servizi o processi nuovi o sensibilmente migliorati rispetto allo stato dell’arte nel settore interessato. Ricordiamo che il decreto è attuativo del decreto legge 24 gennaio 2015, n. 3 (noto come «Investment Compact»), convertito con modificazioni dalla legge 24 marzo 2015, n. 33, ha assegnato larga parte delle misure già previste a beneficio delle start-up innovative a una platea di imprese potenzialmente molto più ampia: le pmi innovative, vale a dire tutte le piccole e medie imprese che operano nel campo dell’innovazione tecnologica, a prescindere dalla data di costituzione, dalla formulazione dell’oggetto sociale e dal livello di maturazione. Ma per la piena operativa degli incentivi agli investimenti, bisogna attendere il via libera dall’Unione europea. Per accedere al regime di agevolazioni, le pmi innovative dovranno registrarsi nella sezione speciale del registro delle imprese creata ad hoc presso le camere di commercio. Specularmente rispetto a quanto già previsto per le start-up innovative, l’iscrizione avviene trasmettendo in via telematica alla camera di commercio competente in via territoriale una dichiarazione di autocertificazione di possesso dei requisiti.

I vantaggi fiscali non riguarderanno solo le nuove società. Avranno l'opportunità di “cambiare pelle” anche aziende presenti sul mercato da più di sette anni. Per godere delle nuove norme sarà necessario presentare domanda di iscrizione a un particolare elenco presente nelle Camere di commercio. Vuoi percorrere questa strada? Rivolgiti a noi per una consulenza completa. Da anni siamo al fianco di startupper e nuovi artigiani. Il nostro affiancamento ha permesso a decine di idee di tramutarsi in solide realtà.

27 ottobre 2015