I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • La Cassazione prova a fare chiarezza sull'Irap

La Cassazione prova a fare chiarezza sull'Irap

La Cassazione prova a fare chiarezza sull'Irap

Nel corso degli ultimi mesi sono state introdotte importanti novità giurisprudenziali in merito all'Irap. Alcune ordinanze e sentenze della Cassazione hanno avuto il merito di provare a fare chiarezza su un'imposta che spesso viene versata anche da liberi professionisti o da lavoratori autonomi titolari di partita Iva. Una liquidazione spesso indebita, almeno secondo il contenuto delle pronunce del giudice di ultima istanza. Secondo la sezione tributaria della Cassazione, ad esempio, non è sufficiente la presenza di un lavoratore dipendente per determinare automaticamente il requisito dell'autonoma organizzazione d'impresa. Dispositivo redatto in seguito al ricorso presentato da un medico titolare di uno studio all'interno del quale era presente una persona incaricata di rispondere al telefono. In un'altra recente ordinanza i giudici tributari hanno chiarito che non possono esserci automatismi nemmeno in presenza di un alto reddito derivante dall'attività professionale o di un elevato numero di clienti.

 

Vuoi capire se è necessario continuare a pagare l'Irap? Contattaci per una consulenza.

11 gennaio 2015