I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • L'Agenzia delle entrate salva i vecchi "minimi" sino al 30 gennaio

L'Agenzia delle entrate salva i vecchi "minimi" sino al 30 gennaio

L'Agenzia delle entrate salva i vecchi

Non tutto è perduto. L'Agenzia delle entrate ha chiarito che per usufruire della vecchia normativa sui “minimi” c'è tempo sino al 30 gennaio. I giovani professionisti potranno quindi dribblare l'aumento della pressione fiscale. Il chiarimento è arrivato dopo le richieste arrivate da diversi professionisti, che chiedevano come comportarsi qualora si fosse deciso di aprire una posizione IVA a partire dal 1° gennaio. L'autorità tributaria ha spiegato che si può ancora usufruire della normativa in vigore fino alla correzione apportata con la legge di stabilità licenziata dal Parlamento prima delle festività natalizie. Tutti coloro che decideranno di aprire una partita IVA entro il 30 gennaio – solo per poter sfruttare la tassazione agevolata – potranno ancora godere della precedente e più bassa aliquota del 5% piuttosto che del 15%, usufruendone fino a scadenza: in pratica, l’entrata nelle vecchie regole verrà fotografata e cristallizzata per i successivi 4 anni e comunque non oltre i 35 anni d’età. L'effetto è garantito dal combinato disposto delle diverse normative in materia. L'Agenzia delle entrate ha infatti spiegato che in base all'attuale legge sull'IVA chi intraprende un’impresa, arte o professione deve farne comunicazione, entro i 30 giorni successivi, all'ufficio delle Entrate competente. A seguito di tale richiesta, l’ufficio provvede ad attribuire la partita Iva al richiedente. È proprio sfruttando tale termine di 30 giorni dall'inizio dell’attività che è ancora possibile attivare il vecchio regime dei minimi. Infatti, dimostrando che l’attività è iniziata non più di 30 giorni prima, il contribuente potrà far “retroagire” la domanda. In pratica, si guarda il momento di inizio attività e non quello della presentazione della domanda. Ovviamente bisognerà rispondere a tutti i requisiti della vecchia normativa. Chi sceglierà la nuova normativa rinuncerà al regime di tassazione agevolato.

15 gennaio 2015