I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Lunedì prossimo sarà "tax day". Rivolgiti a noi per la consulenza tributaria

Lunedì prossimo sarà "tax day". Rivolgiti a noi per la consulenza tributaria

Lunedì prossimo sarà

Si avvicina uno degli appuntamenti più affollati per le casse dell’Erario: lunedì 30 novembre è l'ultimo giorno a disposizione dei contribuenti (titolari e non di partita Iva) per pagare, se ne ricorrono le condizioni, senza sanzioni e interessi, la seconda o unica rata degli acconti relativi al 2015, di Irpef, Ires e Irap. Scadenza valida anche per la cedolare secca, l’imposta sostitutiva dei “nuovi minimi” e altri tributi meno “popolari”, come l'Ivie e l'Ivafe. La prima rata, pari al 40% del totale, andava versata entro lo scorso 16 giugno (termine slittato al 6 luglio per i contribuenti interessati dagli studi di settore) ovvero, con la maggiorazione dello 0,40%, entro il 16 luglio (20 agosto per chi era soggetto agli studi). Ancora un dettaglio: il termine, ai fini Ires, riguarda le società il cui anno d'imposta coincide con l'anno solare, altrimenti il pagamento dell’acconto deve essere effettuato entro l'ultimo giorno dell'undicesimo mese dell'esercizio.

L’acconto Irap 2015 va estratto dal rigo IR21 del relativo modello; anche in questo caso, però, occhio all’eventuale rideterminazione, ipotesi che ci fa spingere fino al rigo IS32. L’acconto dell’imposta regionale non è dovuto dai produttori agricoli esonerati, nel 2014, in base all’articolo 34, comma 6, del Dpr 633/1972, dagli adempimenti Iva e che, nello stesso anno, hanno superato i limiti previsti per l’esonero. La deroga non vale, invece, per chi ha venduto più di un terzo dei beni diversi da quelli compresi nella prima parte della tabella A allegata al decreto Iva e, per questo, fuori dal trattamento di favore. Il 30 novembre è anche l’ultimo giorno per versare la seconda o unica rata dell’imposta sostitutiva dovuta dai “nuovi minimi” ossia da quei contribuenti che applicano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, previsto dall’articolo 27, commi 1 e 2, del Dl 98/2011: per loro, il rigo da verificare è l’LM14.

Il mondo del Fisco e dei tributi ti spaventa? Rivolgiti a dei professionisti per una consulenza tributaria seria e rigorosa. Contattaci e chiedici subito un preventivo. Tanti professionisti e artigiani lo hanno già fatto. Siamo al fianco anche di lavoratori dipendenti e pensionati. Con Consulimpresa non ci saranno brutte sorprese.

25 novembre 2015