I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • In arrivo proroga sulla rottamazione dei ruoli. Approfittane con noi

In arrivo proroga sulla rottamazione dei ruoli. Approfittane con noi

In arrivo proroga sulla rottamazione dei ruoli. Approfittane con noi

Proroga della sanatoria delle cartelle di Equitalia (in scadenza il prossimo 31 marzo) fino al 21 aprile, e modifiche normative che consentano, in caso di rottamazione dei ruoli un rilascio accelerato del Durc (documento unico di regolarità contributiva). È questo l'impegno assunto dal governo nella persona del viceministro all'economia Luigi Casero, ieri dopo l'approvazione, all'unanimità, in commissione finanze della Camera di una risoluzione. Le modifiche arriveranno sottoforma di emendamento e sarà inserito, ha specificato il governo, nel testo del decreto terremoto all'esame della camera. Al 7 marzo le istanze di rottamazione delle cartelle esattoriali ha raggiunto quota 400 mila. Le novità della proroga dell'adesione agevolata è arrivata dunque dopo che la commissione ha approvato la risoluzione sulla riscossione del Movimento 5 stelle. In particolare si sottolineava l'esigenza di modifiche per il rilascio del Durc (documento unico di regolarità contributiva) più rapido in caso di adesione alla rottamazione delle cartelle. Si è chiesto inoltre al governo di assumere iniziative normative volte a prevedere che in presenza di esposizioni debitorie previdenziali, per le quali il contribuente ha già chiesto l'accesso alla definizione agevolata, si possa procedere per il rilascio del Durc in via provvisoria, in attesa della definizione dell'istanza di adesione alla procedura agevolata. La richiesta è motivata dal fatto che l'adesione alla rottamazione dei ruoli va a bloccare il rilascio alle imprese del Durc da parte dell'Inps e dell'Inail. La situazione è stata sottoposta all'attenzione dell'Inps dal Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro che ha evidenziato nelle scorse settimane l'effetto paradossale della normativa. In quell'occasione l'Inps aveva risposto che l'istituto non era competente alla modifica in parola.

Volete salutare sanzioni e interessi sulle cartelle? Chiedeteci subito una consulenza sul punto. Stiamo affiancando tantissimi contribuenti. Vi ricordiamo che può accedere al beneficio anche chi è precedentemente decaduto da una rateizzazione.

 

09 marzo 2017