Vuoi regolarizzare il tuo rapporti con il Fisco? La tua azienda ha ricevuto più cartelle contemporaneamente? Rivolgiti a noi per capire come far fronte alle richieste di Equitalia e dell'Agenzia delle Entrate. Garantiamo professionalità e competenza. Da anni siamo al fianco di imprenditori, artigiani e dipendenti.

" />
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Nuove opportunità per rateizzare le cartelle Equitalia. Chiedici come fare

Nuove opportunità per rateizzare le cartelle Equitalia. Chiedici come fare

Nuove opportunità per rateizzare le cartelle Equitalia. Chiedici come fare

Nuove opportunità di rateizzare le cartelle per i contribuenti decaduti dal beneficio negli ultimi due anni e, per i nuovi piani di rateizzazione, possibilità di essere riammessi in qualsiasi momento saldando le rate scadute. Lo riferisce Equitalia sottolineando che è quanto prevede il decreto legislativo n. 159/2015 'Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione', entrato in vigore oggi. Dunque c'è una nuova finestra per i vecchi piani revocati. Equitalia spiega che "chi è decaduto dal piano di rateizzazione tra il 22 ottobre 2013 e il 21 ottobre 2015, può chiedere nuovamente una dilazione delle somme non versate fino a un massimo di 72 rate mensili. Occorre presentare la domanda entro il 21 novembre. I moduli sono disponibili allo sportello o nella sezione Rateizzazione - Modulistica presente nell'Area Cittadini e nell'Area Imprese del sito www.gruppoequitalia.it. Ci sono però alcuni limiti alle regole generali sulla rateizzazione: il nuovo piano concesso non è prorogabile e si decade in caso di mancato pagamento di due rate anche non consecutive". Per le nuove rateizzazioni "la riammissione è sempre possibile. Per i piani concessi a partire dal 22 ottobre 2015, la rateizzazione decade con il mancato pagamento di cinque rate anche non consecutive. Tuttavia, pagando le rate che risultano scadute, si può chiedere un nuovo piano di dilazione e riprendere i pagamenti". Stop invece ai pagamenti in caso di sospensione. "Il contribuente che ha ottenuto una sospensione giudiziale o amministrativa può interrompere i pagamenti delle rate, limitatamente ai tributi interessati, per tutta la durata del provvedimento. Allo scadere della sospensione può chiedere di rateizzare il debito residuo fino a un massimo di 72 rate", aggiunge ancora Equitalia.

Vuoi regolarizzare il tuo rapporti con il Fisco? La tua azienda ha ricevuto più cartelle contemporaneamente? Rivolgiti a noi per capire come far fronte alle richieste di Equitalia e dell'Agenzia delle Entrate. Garantiamo professionalità e competenza. Da anni siamo al fianco di imprenditori, artigiani e dipendenti.

23 ottobre 2015