I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Fisco: ravvedimento "sprint" e ravvedimento operoso. Chiedici come funzionano

Fisco: ravvedimento "sprint" e ravvedimento operoso. Chiedici come funzionano

Fisco: ravvedimento

Il ravvedimento operoso diventerà più conveniente grazie a una norma inserita nella legge di Stabilità in discussione nella commissione Bilancio della Camera. Non c'è quindi motivo di disperare se oggi non riuscirete a pagare le diverse imposte in scadenza (Irpef, Ires e Iva su tutti). Va detto che per gli omessi, insufficienti e ritardati versamenti degli acconti d’imposta sui redditi si applicano le sanzioni disciplinate dall’articolo 13 del decreto legislativo 471/1997, generalmente pari al 30% dell’imposta dovuta. La normativa vigente prevede il cosiddetto “ravvedimento sprint”: che si consuma nei 15 giorni seguenti la scadenza originaria. Si parte dallo 0,2% per un giorno di ritardo e così via in progressione fino ad arrivare al 2,8% al 14° giorno di ritardo. L’articolo 13 del Dlgs 472/97 prevede, poi, che la sanzione venga ridotta ad un decimo del minimo (3%) per tutti i pagamenti che si ravvedono dal 15° al 30° giorno dalla scadenza. In questo caso non si applicano riduzioni variabili giorno per giorno, ma la misura rimane fissa per tutte le correzioni avvenute nel lasso di tempo indicato. Inoltre, sugli importi dovuti vanno sempre calcolati anche gli interessi moratori al tasso legale dello 0,5% con maturazione giorno per giorno. Per i ravvedimenti compiuti dopo il 30° giorno dal termine previsto per legge si applicano le regole della lettera a-bis) del D. lgs 472/1997, in vigore dal 1° gennaio 2015, che prevedono la riduzione della sanzione a 1/9 del minimo se la situazione è sanata entro i 90 giorni successivi che – come opportunamente chiarito dalla circolare 23/E/2015 – vanno calcolati a partire dal termine previsto per il versamento e non da quello statuito per la presentazione della dichiarazione. Se poi la legge di Stabilità dovesse essere approvata definitivamente nel testo attualmente all'attenzione del Parlamento si profila poi un “super-ravvedimento” con una sanzione pari all'1,67%.

Vuoi chiederci come azionare i meccanismi del ravvedimento? Vuoi sapere a quanto ammontano le eventuali sanzioni? Contattaci per un prospetto calcolato al centesimo. Tantissimi professionisti, artigiani e imprenditori si sono già affidati alla nostra consulenza. Garantiamo professionalità e competenza. Con Consulimpresa i rapporti col Fisco non saranno più un problema.

30 novembre 2015