I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Da oggi le domande di rimborso IVA per i fornitori delle Pubbliche amministrazioni

Da oggi le domande di rimborso IVA per i fornitori delle Pubbliche amministrazioni

Da oggi le domande di rimborso IVA per i fornitori delle Pubbliche amministrazioni

Gli ultimi decreti ministeriali emessi dal ministero delle Finanze hanno semplificato l’ottenimento dei rimborsi IVA in via prioritaria per i contribuenti che effettuano cessioni di beni e prestazioni di servizi con il meccanismo dello Split Payment, al fine di attenuare i problemi di liquidità che il nuovo sistema di assolvimento dell'IVA inevitabilmente comporta per le imprese fornitrici delle Pubbliche amministrazioni. In base a tale semplificazione infatti non solo le istanze di rimborso possono essere evase in via prioritaria, ma ora le imprese fornitrici delle Pubbliche amministrazioni non sono tenute al rispetto delle condizioni di accesso a tali modalità di rimborso previste dall’art. 2 del D.M. 22 marzo 2007 (non è più necessario che il contribuente sia in attività da almeno tre anni, che l’ammontare del credito IVA sia superiore a 10.000 euro per i rimborsi annuali o 3.000 euro per quelli trimestrali, né che l’eccedenza superi il 10% dell’imposta complessivamente assolta sugli acquisti/importazioni effettuati nel periodo di riferimento). Rimane invece necessario rispettare i presupposti dell’art. 30, comma 2, lettera a) del D.P.R. n. 633/1972, e quindi essere soggetti che esercitano prevalentemente o esclusivamente attività che comportano l’effettuazione di operazioni soggette a imposta con aliquote inferiori a quelle relative agli acquisti, computando tra queste anche le operazioni soggette a Split Payment (e le operazioni soggette a reverse charge di cui all’art. 17, commi 5, 6 e 7 del D.P.R. n. 633/1972). I contribuenti potranno chiedere il rimborso sia in sede di dichiarazione annuale o attraverso apposita istanza di rimborso trimestrale (Modello Iva TR). Le disposizioni di cui al D.M. 20 febbraio 2015 si applicano a partire dalle richieste di rimborso relative al primo trimestre dell’anno di imposta 2015, che andranno presentate entro il 30 aprile 2015 attraverso il nuovo modello IVA TR, il quale potrà quindi essere utilizzato per le richieste di rimborso o di utilizzo in compensazione dell’eccedenza di imposta detraibile di importo superiore a 2.582,28 nel trimestre.

Sei un fornitore della pubblica amministrazione? Consulimpresa può fornirti la sua assistenza in materia tributaria a prezzi competitivi. Contattaci per un preventivo o per fissare un appuntamento nella nostra sede di Quartu Sant'Elena.

30 aprile 2015