I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Ultima chiamata per rimborsi Iva trimestrali. Rivolgiti a noi per la consulenza tributaria

Ultima chiamata per rimborsi Iva trimestrali. Rivolgiti a noi per la consulenza tributaria

Ultima chiamata per rimborsi Iva trimestrali. Rivolgiti a noi per la consulenza tributaria

Ultima tornata di rimborsi trimestrali dell'Iva per l'anno 2015: entro lunedì prossimo, 2 novembre – cadendo di sabato il termine di legge del 31 ottobre – è possibile presentare, per via telematica, l'istanza di rimborso/compensazione del credito del terzo trimestre 2015. L'istanza, da redigere utilizzando il modello TR nell'ultima versione approvata il 20 marzo 2015, può essere presentata solo da alcune categorie di creditori. 1) Contribuenti che hanno effettuato operazioni attive la cui aliquota media, maggiorata del 10%, è inferiore a quella mediamente pagata sugli acquisti e sulle importazioni. Nel calcolo dell'aliquota media devono essere incluse anche le operazioni sottoposte al meccanismo dell'inversione contabile e, da quest'anno, a quello dello split payment, che si considerano, dal lato attivo, ad aliquota zero. Non si deve tenere conto invece degli acquisti e delle cessioni di beni ammortizzabili. 2) Contribuenti che hanno effettuato operazioni non imponibili (per esempio, cessioni all'esportazione, operazioni in sospensione su lettera d'intento, servizi internazionali, cessioni intra Ue) per oltre il 25% di tutte le operazioni effettuate. 3) Contribuenti che hanno effettuato acquisti e importazioni di beni ammortizzabili per importo superiore a due terzi dell'ammontare complessivo di tutti gli acquisti e le importazioni di beni e servizi imponibili. In questo caso, a differenza di tutti gli altri, è rimborsabile/compensabile soltanto il credito riferibile agli acquisti e alle importazioni di beni ammortizzabili. 4) Soggetti non residenti, identificati in Italia direttamente o mediante rappresentante fiscale. 5) Contribuenti che hanno effettuato, nei confronti di soggetti passivi non stabiliti in Italia, per un importo superiore al 50% dell'ammontare di tutte le operazioni effettuate, le seguenti prestazioni di servizi: lavorazioni relative a beni mobili materiali, trasporti di beni e relative prestazioni di intermediazione, prestazioni di servizi accessori e ai trasporti di beni e relative prestazioni di intermediazione, prestazioni di servizi, ossia servizi creditizi, finanziari o assicurativi resi a committenti soggetti passivi extra Ue o relativi a beni da esportare fuori dell'Ue.

Vuoi capire come districarti nei meandri del Fisco? Rivolgiti a noi per una consulenza completa e affidabile. Garantiamo competenza e professionalità a tariffe competitivi. Centinai di artigiani, liberi professionisti e imprenditori ci hanno già scelto. Contattaci per un preventivo. Abbiamo anche gli strumenti per dare nuovo slancio alla tua impresa. Da anni siamo al fianco delle aziende che scelgono di partecipare a concorsi per l'erogazione di finanziamenti pubblici.

28 ottobre 2015