In Sardegna è già possibile azzerare l'Irap trasferendo la propria sede legale da una provincia all'altra e – inoltre – l'imposta non va a colpire le nuove imprese. Altre opportunità sul fronte del risparmio fiscale sono offerte dalla decontribuzione Inps per i nuovi assunti. Contattaci per scoprire come pagare meno tasse e imposte. Da anni siamo al fianco di imprenditori, artigiani, liberi professionisti e dipendenti.

" />
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Ulteriori informazioni ok

BLOG

News

  • Home
  • Blog
  • News
  • Il governo prepara un taglio dell'Ires per le imprese del Mezzogiorno

Il governo prepara un taglio dell'Ires per le imprese del Mezzogiorno

Il governo prepara un taglio dell'Ires per le imprese del Mezzogiorno

Potrebbe essere un “maxisconto” fiscale quello in arrivo per le piccole e medie imprese del Sud. Per rilanciare il Mezzogiorno e favorirne lo sviluppo del tessuto produttivo il governo sta pensando ad anticipare il taglio dell'Ires al 2016, con una riduzione molto più ampia rispetto a quella che dovrebbe riguardare tutte le imprese a partire dal 2017. Il taglio, netto, sarebbe infatti dall'attuale 27,5% al 20% ma sarebbe, appunto, destinato unicamente alle Pmi meridionali. Con un costo che supererebbe i 450 milioni di euro. L'ipotesi circola in questi giorni tra Ministero del Tesoro, Ministero dello Sviluppo e Palazzo Chigi, dove si sono incontrati in serata, per fare il punto sulla manovra, Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan. Anche se il fisco sarebbe solo una delle carte da giocare per il rilancio del Sud. L'azione del governo dovrebbe essere infatti duplice, visto che proprio alle Regioni del Mezzogiorno dovrebbero essere destinate molte delle risorse del piano di investimenti in opere "materiali e immateriali" che il governo si appresta a varare con la stessa legge di stabilità. Renzi e Padoan hanno annunciato più volte, in occasione della presentazione della Nota di aggiornamento al Def, che l'Italia farà ricorso alla clausola degli investimenti prevista dalla flessibilità Ue e chiederà a Bruxelles di accedervi per uno 0,3% di Pil da finanziare in deficit, equivalente a circa 5 miliardi di euro. A questi 5 miliardi se ne aggiungeranno altrettanti cofinanziati con i Fondi europei di coesione e sviluppo, ma tutta la somma complessiva dovrà essere destinata esclusivamente ad infrastrutture ed interventi concreti (in pratica non potranno andare a coprire il taglio delle tasse sulla casa o il disinnesco delle salvaguardie su Iva e accise).

In Sardegna è già possibile azzerare l'Irap trasferendo la propria sede legale da una provincia all'altra e – inoltre – l'imposta non va a colpire le nuove imprese. Altre opportunità sul fronte del risparmio fiscale sono offerte dalla decontribuzione Inps per i nuovi assunti. Contattaci per scoprire come pagare meno tasse e imposte. Da anni siamo al fianco di imprenditori, artigiani, liberi professionisti e dipendenti.

02 ottobre 2015